fbpx
Scroll to top

Un po' di storia della maionese: dal 1700 fino a noi

La maionese è una salsa cruda amata da grandi e bambini, ideale per condire piatti di pesce e carne e per rendere più saporite le adorate patate fritte.

Le sue origini risalgono alla seconda metà del 1700 quando, nelle cucine della dimora del Duca di Richelieu a Mahon (isola di Maiorca), lo chef, per arricchire i piatti dei nobili seduti al banchetto, decise di preparare un’emulsione di olio, limone e uova che prese poi il nome del luogo in cui fu creata: Mahonnaise.

Altre teorie che girano intorno alle origini della maionese la attribuirebbero a Carlo di Lorena, Duca di Mayonne. Questa salsa sarebbe stata protagonista della battaglia di Arques in cui il Duca venne sconfitto. Prima di affrontare la battaglia, volle a tutti i costi terminare il suo pasto con pollo e una salsa che acquistò il nome di mayonnaise.

Una cosa è certa, l’origine è senz’altro francese ed è d’allora che ha conquistato i palati di tutto il mondo diventando una salsa onnipresente sulle tavole dei pub, ristoranti e pizzerie del globo.

Curiosità nutrizionali

Una buona maionese fatta in casa non fa affatto male alla salute. Se ci pensate si tratta di una salsa con pochi ingredienti, ma di qualità. E’ importante, infatti, che anche l’olio di semi (da preferire a quello di oliva per conferire maggiore delicatezza al prodotto finale, ma se lo si preferisce si può utilizzare una dose di olio extravergine al 50% con quella di semi) sia di buona qualità.

Quello di girasole alto oleico Sagra è di origine italiana, ha un elevato punto di fumo, e non viene estratto attraverso l’utilizzo di solventi chimici. Le bottiglie in PET riciclabile, inoltre, rispettano l’ambiente scongiurando l’accumulo di plastica e l’inquinamento. Ovviamente a far differenza è sempre la dose a cui si consumano determinati alimenti. Con la maionese è sempre bene non esagerare!

LA SALSA AMATA DA GRANDI E PICCINI!

Maionese allo zafferano

Ingredienti

2 tuorli a temperatura ambiente;
200ml di olio di semi di girasole alto oleico;
Succo di 1 limone piccolo;
1 cucchiaino e mezzo di aceto di vino;
3g di sale;
6 pistilli di zafferano essiccati e ridotti in polvere

Procedimento

Una cosa fondamentale per avere una maionese perfetta è avere ingredienti freschissimi e a temperatura ambiente: tuorli freddi di frigorifero potrebbero non legare bene gli altri ingredienti e il risultato sarebbe una salsa smontata e liquida. Un altro segreto è la pazienza. L’olio va aggiunto a filo avendo cura di incorporarlo lentamente alle uova appena frullate con qualche goccia di limone. Man mano poi che l’emulsione si forma vanno aggiunti in alternanza olio e limone fino ad ottenere una mousse chiara. Altro consiglio: non fermatevi mai con le fruste elettriche o con il minipimer e la velocità deve essere media.

Solo alla fine vanno uniti in sequenza l’aceto, il sale e la polvere di zafferano incorporati con le fruste a velocità più bassa o con una spatola girando dall’alto verso il basso per evitare di smontarla.

E se invece la maionese è liquida o si smonta? Basta recuperarla aggiungendo un altro tuorlo. Alcuni chef consigliano l’aggiunta di un cubetto di ghiaccio.